La medicina integrata

Cos’è la medicina Integrata

È un approccio innovativo alla medicina e alla formazione medica, anche se, in realtà, ha radici molto antiche. La medicina integrata riconosce la medicina tradizionale o convenzionale come fulcro della cura, ma affianca ai moderni esami diagnostici e trattamenti convenzionali, un’attenta selezione di terapie complementari, come l’omeopatia, l’agopuntura, la medicina ildegardiana, l’osteopatia, la terapia cranio sacrale, la psicologia per equilibrare mente e corpo, e raggiungere il benessere psicofisico totale della persona.

Un manifesto per la medicina integrata

La medicina integrata promuove l’alleanza tra risorse di cura armonizzate tra loro in modo non contraddittorio e maturate in discipline diverse appartenenti a più epoche e substrati culturali diverse e oggi definite come Biomedicina e Cam (Complementary and alternative medicines).

  • I suoi presupposti sono: la relazione, la centralità, la complessità e la globalità della persona, la scientificità delle pratiche, la corresponsabilizzazione del soggetto di cura o di salute, la visione della malattia quale fenomeno coemergente da una moltitudine di fattori diversi, la ricerca della salute come priorità.
  • La Medicina integrata riconosce la persona come unità di corpo, mente e spirito in relazione con la propria storia individuale e con l’ambiente e considera l’attuale divisione tra modelli terapeutici un ostacolo da superare in una prospettiva di reciproca ausiliarietà
  • La libertà di scelta terapeutica del cittadino è un diritto che va affermato e tutelato, insieme al riconoscimento della libertà di cura per il medico. Le convinzioni personali, culturali e spirituali di ciascun individuo influenzano l’interpretazione e l’esperienza di malattia e di guarigione.
  • La Medicina integrata contempla i significati di salute e guarigione insieme a quelli di malattia e terapia. Ciascun paziente è insieme oggetto di malattia e soggetto capace di esprimere un potenziale di autoguarigione che va insegnato e adeguatamente supportato.
  • La Medicina integrata promuove la ricerca sull’efficacia e la sicurezza delle cure a prescindere dalla diversità dei paradigmi dei vari modelli di pratica terapeutica. Le discipline ammesse a modello di Medicina integrata devono essere garanti di adeguati livelli di sicurezza e di efficacia teorica e pratica.
  • La Medicina integrata coniuga i valori espressi dai cittadini con quelli professionali del medico edi ogni altro operatore sanitario soddisfacendo ai criteri di giustizia sociale e di massimasostenibilità.
  • La Medicina integrata realizza un incontro sincretico tra modelli diversi di medicina, reso necessario dalle nuove conoscenze maturate negli ultimi decenni riguardo l’organismo vivente, e sifonda su un approccio interdisciplinare e non gerarchico all’organizzazione delle cure.
  • Le virtù della Medicina integrata sono: la ragionevolezza nell’uso della conoscenza scientifica, la comprensione delle situazioni e dei problemi della persona, la sensibilità relazionale per favorire la reciproca conoscenza, la prudenza nel decidere gli interventi necessari, la responsabilità quale capacità di prevedere le conseguenze dei propri atti terapeutici, la capacità di ascolto e il valore dell’opinione del malato quindi la comprensione del linguaggio come espressione primaria della persona, l’uso oculato e sobrio della tecnologia, la pertinenza dei comportamenti terapeutici nei confronti dell’attualità del malato, il valore dell’esperienza nei confronti di ogni forma di conoscenzaproceduralizzata.

A cura della SIOMI, Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata, Firenze 3 dicembre 2011