SANRAFF_DISFONIA_100x350

Può manifestarsi con...

  • Alterazione nella qualità della voce

    (qualità vocale rauca, soffiata o strozzata)

  • Alterazioni nella frequenza

    (troppo acuta, troppo bassa, interruzioni vocali, riduzione del range – frequenziale)

  • Alterazioni nel volume

    (troppo alto, troppo basso, volume instabile)

  • Alterazioni della risonanza

    (ipernasale, iponasale)

  • Astenia o afonia

    (voce debole o assenza di voce)

  • Tremore vocale

  • Fatica e sforzo vocale

Sintomi come raucedine, abbassamento vocale, affaticamento vocale a fine giornata, dolore o senso di costrizione alla gola mentre parli,
possono essere specchio di disfonia.

Cos’è la Disfonia?

La disfonia è un’alterazione quantitativa o qualitativa della voce parlata o cantata.

Quali sono le cause? 

La disfonia può essere legata a differenti cause. Nelle forme funzionali, si sviluppa in seguito ad uno scorretto uso della voce. Molte persone, soprattutto coloro che utilizzano la voce per lavoro, utilizzano nel modo scorretto la voce utilizzandola troppo a lungo (surmenage vocale) e nel modo scorretto (malmenage vocale). Questo a lungo andare causa un’alterazione della voce, uno sforzo prolungato può portare anche a problematiche di tipo organico (ad esempio, noduli). La disfonia può essere legata a cause organiche e quindi essere conseguenza di lesioni delle corde vocali come noduli, polipi o ispessimenti.

Come si tratta?

La presa in carico prevede un’attenta valutazione logopedica degli aspetti relativi alla vocalità, integrata da un esame medico specialistico. In seguito la logopedista stilerà il programma di trattamento idoneo al singolo caso e fornirà preziosi consigli su come prevenire questa spiacevole situazione.